Essaouira

on 1 Giu , 2022

Essaouira è un paesino che sembra essere stato adagiato dolcemente sul mare, o meglio, sull’oceano.

Un luogo magico per festeggiare i primi due mesi da quando siamo partiti per la nostra avventura.

Questo nuovo modo di vivere, fatto di tempi lenti e bellezza ci rende felici. Per questo ci stiamo impegnando tantissimo per far sì che il nostro progetto funzioni anche dal punto di vista lavorativo:  per trasformarlo in uno stile di vita. Spesso non è facile e ci prendono momenti di sconforto, ma poi vediamo quanta strada abbiamo fatto e quanta bellezza abbiamo intorno e le paure svaniscono: in qualche modo ce la faremo.

I nostri primi due mesi di “Van life” li abbiamo quindi festeggiati qui, in questa piccola perla affacciata sull’Oceano Atlantico. Dopo un weekend da turisti, era quello di cui avevamo bisogno. Due mesi potrebbero sembrare pochi, eppure quello del turista è un ruolo che non sentiamo più nostro. Per dir la verità, non lo siamo mai stati veramente; anche prima di partire per questo viaggio, amavamo visitare i luoghi meno turistici, scoprire le parti più autentiche dei luoghi, ma adesso questo modo di viaggiare ci sembra l’unico possibile.

Libri di viaggio che ti consigliamo

Essaouira si è rivelato il posto perfetto per tornare a respirare, è stata come un balsamo dopo l’immersione in una città bellissima, ma delirante, come Marrakesh. Lontano dalle grandi città, dove tutto ha un prezzo e dove tutti indossano una maschera per ottenere qualcosa da te, ci è sembrato di entrare più in contatto con l’ essenza di questo paese.

Essaouira

Le casette di Essaouira sono tutte bianche e azzurre. Questi sono infatti i colori delle città che si affacciano sull’oceano Atlantico; nell’interno del Paese, invece, le case sono rosse, per proteggere gli occhi dal sole accecante. La via principale, con i suoi negozietti e ristorantini tipici, è molto pittoresca; qui i turisti non sono così tanti e i commercianti sono decisamente meno insistenti.

Essaouira, zuppa marocchina

Pur essendo ancora le 11.30, siamo entrati in un localino dal quale emanava un buon profumo. C’eravamo solo noi e la cuoca, una nonnina simpatica che ci ha preparato una zuppa di legumi deliziosa, un toccasana per le nostre pance che non si sono ancora rimesse in sesto.

Essaouira, mercato del pesce

Tuttavia, esclusa la via principale, non c’è molto da vedere nella Medina. Ciò che rende Essaouira speciale sono il suo porto e il suo mercato del pesce; qui i pescatori, tornati la mattina presto dalla pesca notturna, espongono pesci di ogni tipo, attirando la gente del paese e innumerevoli gabbiani.

Essaouira, pescherecci

Siamo rimasti un po’ vicino al porto, ad osservare i pescherecci appena tornati e i pescatori che sistemavano le reti, fantasticando sulla loro vita ed immaginando come sarebbe bello trascorrere una notte con loro in mezzo al mare … intanto, centinaia di gabbiani volavano sopra le nostre teste, regalandoci un paesaggio da cartolina.

, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *