Oltre il confine!

on 4 Apr , 2022

L’idea era quella di dormire ancora una notte in terra italiana e varcare il confine la mattina dopo.

Quando abbiamo aperto Park4night però, ci siamo resi conto che il primo parcheggio gratuito si trovava a 200 metri oltre la dogana, vale a dire in Francia. Eravamo ancora lontani e stava cominciando a fare buio ma, oltre ad essere gratuito, quel parcheggio era sul mare. Presi da una scarica di adrenalina, ci siamo diretti verso il confine. Quando abbiamo visto il cartello “Francia” apparire in mezzo al buio ci siamo guardati e siamo scoppiati a ridere. Stavamo davvero lasciando l’Italia.

Quando siamo arrivati, il mare non era altro che una gigantesca patacca nera, indistinguibile dal resto, ma lo sentivamo infrangersi sugli scogli, componendo, ignaro, la colonna sonora perfetta per il nostro arrivo in Francia.

Ci siamo addormentati cullati dal suono delle onde. Nonostante le mille preoccupazioni e l’assoluta incapacità di realizzare quello che stiamo facendo, ho dormito di un sonno così profondo e sereno come non mi capitava da anni.

oltre il confine

Stamattina ci siamo svegliati con un panorama mozzafiato. Abbiamo tirato giù la finestrella accanto alle nostre teste ed il mare era proprio lì, sotto di noi. Ci sembrava di aver dormito sopra a quel gigante tappeto blu.

Purtroppo però, dopo poche ore, ci siamo ficcati nel primo vero guaio di questo viaggio. Giunti in un parcheggio accanto al porto di Montecarlo, presi dall’entusiasmo di scoprire il posto, siamo scesi velocemente dal camper lasciando le chiavi dentro. Morale della favola: ci siamo chiusi fuori! Dopo un primo momento di disperazione abbiamo chiesto aiuto ad alcuni meccanici del posto che, gentilmente, hanno provato ad aiutarci forzando porte e finestre, ma non c’è stato niente da fare. Ulisse restava inespugnabile. Abbiamo dovuto chiamare un fabbro e spendere 80 euro per poter rientrare nella nostra casetta ma, se non altro, abbiamo sicuramente imparato la lezione.

La ricompensa non ha tardato ad arrivare. Rimessici in moto, siamo giunti a Villafranca del sud, un vera chicca che si trova a pochi chilometri da Nizza.

, ,

One response

  1. Forse dovreste avere un secondo mazzo di chiavi e nasconderlo fuori dal camper. Potrebbe accadere di nuovo. Basta un secondo di disattenzione e potrebbe accadere di notte quando non c ,e nessuno per aiutarvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *